italian_tea

Tè Bianco del Verbano™

Il Primo Tè tutto Italiano

Raccolto primavera 2020

Tè Bianco del Verbano™. Il Primo Tè...

- con indicazione di origine territoriale

- con periodo di raccolto dichiarato in etichetta

- italiano, nutraceutico, artigianale, a filiera corta


Tea Made in Italy

LA NUOVA DIMENSIONE DEL TÈ

Il Tè Bianco del Verbano™ è un tè tutto italiano, coltivato nella zona dell Verbano, raccolto e lavorato a mano, e prodotto secondo il metodo tradizionale cinese di lavorazione del tè bianco Bai Mu Dan (Pai Mu Tan).

Maggiori dettagli sulla classificazione cromatica dei tè alla pagina I Colori dei Tè

one_bud_two_leaves_italian_tea

Tè di soli germogli

hand_picking_italian_tea

Raccolto a mano

italian_white_tea

Lavorato nel modo tradizionale

SCHEDA TECNICA PRODOTTO

Ingredienti: 100% Tè Bianco del Verbano (Camellia sinensis).

Pezzatura: germogli di tè bianco a foglia intera.

Lavorazione: artigianale, basata sul metodo tradizionale cinese per la lavorazione del tè bianco Bai Mu Dan (Pai Mu Tan).

Processi produttivi: lungo appassimento naturale di 72 ore ed essiccazione finale lenta a bassa temperatura.

Zona di coltivazione: Verbano, Piemonte, Italia.

Qualità: Top Grade (secondo i disciplinari cinesi di produzione dei tè bianchi).
Sapore: delicato, dolce, floreale, dalle note aromatiche tipiche del Bai Mu Dan fresco.

Preparazione: con infusione unica (stile anglosassone), con Infusioni multiple (stile cinese).

Specifiche alimentari: artigianale, organico, senza OGM, vegano.

Occasione: tè da meditazione.

Master Tea Maker: Marco Bertona, già vincitore in Cina del Gold Award con il Tè Nero del Verbano™
Note: tè idoneo all'invecchiamento.

Per ulteriori dettagli sul prodotto vai alla pagina commerciale su eBay

aged_italian_white_tea

Tè Bianco del Verbano™ – Un tè bianco da invecchiamento

Chi ha detto che i tè bianchi devono essere per forza bevuti freschi? Ci sono tè bianchi con i quali il tempo è generoso: non li rovina, anzi, li arricchisce di profumi e struttura, rendendoli veramente affascinanti.

Con il passare degli anni i tè bianchi da invecchiamento, in tazza, tendono a perdere il loro colore brillante, lasciando spazio a tonalità più scure e aranciate. Al palato i bianchi maturi, che da freschi risultavano un po pungenti con note verdi ed erbacee, le perderanno a favore di rotondità e morbidezza.

Attenzione però a non confondere un tè vecchio, polveroso, stantio, con un tè "invecchiato", perché il segreto di un tè bianco da invecchiamento, sta solo nella lavorazione. Il tempo, poi, farà il resto.

Per cui, il particolare processo produttivo artigianale del nostro Tè Bianco del Verbano, fa si che questo possa essere annoverato tra i grandi tè bianchi da invecchiamento. Pertanto il nostro tè bianco può essere consumato: fresco di raccolto, dopo un breve periodo di maturazione o dopo un medio/lungo periodo d'invecchiamento.

Che aspetti. Entra subito nell'affascinante universo dei  tè bianchi da invecchiamento, con il Tè Bianco del Verbano™, annata 2020!

Per sapere come, clicca qui sotto

I consigli del Master Tea Maker

Agli appassionati ed esperti, suggerisco di procurarsi almeno 4 confezioni di Tè Bianco del Verbano™. Una da apprezzare subito, così com'è; un tè fresco di raccolto è un'esperienza unica: delicato, dolce, floreale. Una da lasciare maturare per almeno 6 mesi; un'altra da conservare per almeno 3 anni e l'ultima da destinare ad un lungo invecchiamento, che non sia inferiore ai 7 anni.

special_edition_limited_batch_italian_white_tea

Tè Bianco del Verbano™ – Un Tè pregiato, storico, da Collezione

Un tè bianco da invecchiamento, con gli anni, acquisisce inevitabilmente pregio e valore. Ancor più se il tè è stato prodotto in quantità limitata e magari in occasione di una ricorrenza speciale. Ebbene, quel tè, statene certi, sarà destinato a diventare col tempo un Tè Pregiato d'Annata. Un Tè da Collezione.


Questo è il caso del nostro Tè Bianco del Verbano™. Il primo tè italiano -  per cui un tè che passerà alla storia, prodotto in Edizione Speciale e Limitata, appositamente voluto dalla nostra Associazione per celebrare la Prima Giornata Mondiale del Tè proclamata dall'ONU.

Il lancio dell'Edizione Speciale del Tè Bianco del Verbano™ è avvenuto, infatti, il 21 Maggio quale unico evento ufficiale italiano nei programmi celebrativi della FAO per la prima giornata mondiale del tè.


Il Tè Bianco del Verbano™ non è reperibile nei negozi, neppure in quelli specializzati, ma è disponibile solo per i soci dell'Associazione, che lo potranno avere in omaggio come regalo di benvenuto al momento dell'iscrizione o del rinnovo della stessa, per l'anno 2020.

Per sapere come, clicca qui sotto

I consigli del Master Tea Maker

Agli estimatori e intenditori, suggerisco di conservare alcuni barattoli della nostra Edizione Speciale di Tè Bianco del Verbano™, chiusi e sigillati. Tra 10 anni, avrete tra le mani un prodotto unico, raro, da collezione. Tra 20...... A buon intenditore, poche parole.

nutraceutical tea

Tè Bianco del Verbano™ – Il Tè Nutraceutico

Un nutraceutico è un alimento che contiene sostanze - principi attivi - con comprovati effetti benefici e protettivi sulla salute dell’individuo.


Il Tè Bianco del Verbano™ è stato inoltre coltivato secondo le tecniche colturali proprie dell'agricoltura biologica, ma senza richiederne la certificazione bio, a causa degli alti costi che questa comporta e che la nostra piccola produzione non può sostenere. 

Il nostro Tè Bianco del Verbano™ è anche fonte di importanti principi attivi che sono presenti in modo naturale nelle foglie fresche del tè e che noi abbiamo fatto di tutto per preservare e portarle sino nella tua tazza. Questo, grazie ai severi standard produttivi adottati: a partire dalla raccolta, sino al confezionamento finale. In particolare:

  1. il metodo di raccolta (manuale),
  2. il criterio di raccolta (una gemma e due foglie),
  3. la pezzatura delle foglie (100% germogli a foglia intera),
  4. la lavorazione artigianale (lungo appassimento naturale di 72 ore ed essiccazione finale lenta a bassa temperatura),
  5. il confezionameto protettivo (in confezione rigida a protezione delle foglie, con chiusura ermetica salva-freschezza).


Per questo il nostro Tè Bianco del Verbano™ è fonte di:

  • Flavonoidi (polifenoli e catechine): proteggono contro lo stress ossidativo da eccesso di radicali liberi, aumentano le difese antiossidanti e riducono il rischio di tumori, malattie cardiovascolari e diabete.
  • Aminoacidi (L-teanina e altri): la Teanina viene indicata nei trattamento dell'ansia e dell'ipertensione. Viene proposta anche nella prevenzione della malattia di Alzheimer e per rendere più efficaci alcuni farmaci contro il cancro.  La teanina eserciterebbe un effetto neuroprotettivo e agirebbe come antagonista della caffeina.
  • Alcaloidi (teina, teanina, teobromina): la Teobromina in particolare ha un effetto stimolante sul sistema nervoso centrale, possiede inoltre capacità cardiocinetiche e vasodilatatorie in particolare per i vasi coronarici. E' in grado di agire sui tubi renali, favorendo la diuresi. Studi scientifici hanno inoltre evidenziato i benefici della teobromina come sedativo nel caso di affezioni non gravi delle vie respiratorie superiori. 
  • Enzimi vegetali (polifenolossidasi e perossidasi): il ruolo principale degli enzimi è di supportare la digestione e sono quindi elementi indispensabili per la salute. Gli enzimi, specialmente quelli delle piante, sopravvivono nello stomaco e raggiungono l’intestino, dove possono essere assorbiti nei nostri tessuti aiutandoci a distruggere i residui dei cibi stagnanti. 


La qualità che fa la differenza

E' chiaro quindi che i tè non sono tutti uguali. Ce ne sono alcuni che sono migliori di altri. E altri ancora che si posizionano in una fascia di qualità persino più alta. Sono i top grade. Definiti così, non dal mercato (come i vari premium, special, cerimoniale, superior, high-grade ecc.), ma da rigidi diciplinari di produzione, ossia da norme statali (dei Paesi produttori, ovviamente) che regolano la produzione e gli standard qualitativi delle diverse categorie di tè. Sono anche i più cari - perché costa molto di più produrli, ma sono i migliori, sia dal punto di vista organolettico sia, e sopratutto, dal punto di vista salutistico. E questo è il nostro Tè Bianco del Verbano™.

Tea Made in Italy. Un'altra idea di Tè!

Entra nella Nuova Dimensione del Tè


Clicca qui sotto

I consigli del Master Tea Maker

Per essere certi di estrarre tutti, o gran parte, i principi attivi di cui questo tè può essere fonte, suggerisco la preparazione con il "metodo cinese" ad infusioni multiple che, oltre a rendere la bevanda più delicata e dare un maggior resa alle foglie, consente via via anche la massima estrazione dei principi attivi disponibili.

italian white tea brewing

A casa del nostro Tea Maker

Io preparo questo tè in una Gaiwan da 250ml con 5 grammi di foglie. Queste sono molto voluminose, per cui la tazza è piena.  Dopodiché ci verso sopra l'acqua bollente (che dopo i vari passaggi avrà raggiunto i 90° circa) e lascio in infusione per 30-40 secondi. Sono arrivato a fare anche 5-6 estrazioni (ossia versando l'acqua bollente sempre sopra le stesse foglie). Ovviamente nelle ultime i tempi d'infusione si allungano notevolmente (possono arrivare anche a qualche minuto) con acqua al punto di ebollizione Per cui, con 5 grammi di foglie, sono arrivato a fare anche un litro e mezzo di tè.  Altissima resa! Ma non fermatevi quì, andate oltre. Solo così sarete certi di aver estratto tutti i principi attivi di cui questo tè dispone.

Mi piace preparare questo tè anche con il metodo classico - ossia con una singola lunga infusione - utilizzando una delle teiere della mia collezione bone china dei primi del '900. In questo caso utilizzo 1 grammo di foglie per ogni 100ml di acqua, che lascio immerse libere nella teiera per circa 3-5 minuti d'infusione.

Ci possono essere tante altre modalità di preparazione, a seconda dei vostri gusti e delle vostre abitudini. Fateci sapere la vostra!

italian white tea wet leaves

Il processo di lavorazione tradizionale per la produzione del tè bianco.

di Marco Bertona

Il tè bianco  è una categoria di tè relativamente nuovo ed è diventato popolare in Cina solo negli ultimi 10 anni. Nel 2013 uno slogan di marketing, che rirpendeva un detto popolare, ha iniziato a girare, ossia che il tè bianco

dopo un anno è tè, dopo tre anni è una medicina, dopo sette anni è un tesoro.

In altre parole, evidenziando il fatto che il tè bianco può invecchia più è pregiato e di qualità. Da allora, il mercato è cresciuto enormemente e il tè bianco è diventato via via sempre più popolare e i prezzi sono saliti alle stelle. Il che significa che anno dopo anno è diventato sempre più difficile trovare tè di buona qualità a prezzi ragionevoli.


Mi piace definire il tè bianco come "il tè della giusta via di mezzo". Lo definisco così perché il processo di lavorazione del tè bianco è molto semplice. In sostanza, non è altro che un lungo processo di essiccazione controllata. Ma poiché è così semplice, non c'è modo di nascondere eventuali errori produttivi; per cui, se ci sono problemi, si noteranno immediatamente in tazza. Quindi non vi sono scappatoie: bisogna produrlo bene e basta.


Non appena le foglie fresche vengono raccolte, iniziano subito ad appassire. Le pareti cellulari iniziano a decomporsi, gli elementi chimici cominciano a mischiarsi tra di loro e a combinarsi con l'ossigeno presente nelle cellule. A questo punto le foglie inizieranno ad ossidarsi, e gli aromi che le foglie rilasceranno saranno diversi. I sapori diventeranno più dolci, morbidi, assumeranno delle note tendenti alla frutta secca e perderanno alcune di quelle note verdi-erbacee tipiche delle foglie fresche.


Per cui, l'abilità nella produzione di tè bianco, è quella di consentire un certo sviluppo di questa ossidazione e un certo livello di questa maturazione di sapore, sapendo però bloccare tutto al punto giusto; e questo, non attraverso il calore, come avviene ad esempio durante la lavorazione dei tè verdi, ma attraverso una essiccazione lenta delle foglie. Inoltre, gli enzimi presenti nelle foglie secche, che, almeno nel processo tradizionale di lavorazione non sono “cotte”, rimangono ancora attivi, facendo si che il tè maturi con il tempo. In altre parole rendendo i tè adatti all'invecchiamento.


Quindi la tecnica di lavorazione del tè bianco è essenzialmente un lungo e lento processo di essiccazione controllata. Nella produzione si giocherà con due variabili: la temperatura e l'umidità. Maggiore è la temperatura, più veloce sarà l'azione enzimatica e quindi maggiore sarà l'ossidazione. Ma, naturalmente, quando si aumenta la temperatura, le foglie tenderanno ad asciugarsi più velocemente, riducendo così il tempo necessario all'ossidazione. Quindi la temperatura è un aspetto critico nella lavorazione del tè bianco.

La stessa cosa succede con l'umidità. Maggiore è l'umidità, più tempo si impiegherà ad essiccare le foglie e maggiore sarà l'ossidazione che le foglie subiranno, portando quindi allo sviluppo di un sapore troppo intenso.

Pertanto, se si spinge troppo verso ad una essiccazione prematura, l'ossidazione si fermerà troppo in fretta, perché le foglie si essiccheranno troppo velocemente; di conseguenza il tempo necessario alla maturazione del sapore non sarà sufficiente.
Così si ha una sorta di due assi di variabili con cui si gioca. Se si mantengono ad una temperatura troppo bassa e in un ambiente troppo umido, l'acqua rimarrà nella foglia per troppo tempo, sviluppando un sapore aspro e vegetale. Se la temperatura esterna è troppo alta e molto secca, allora le foglie si essiccheranno troppo velocemente e, di nuovo, il sapore non avrà abbastanza tempo per maturare. Per cui si deve cercare di trovare il perfetto punto di equilibrio tra umidità e temperatura, per far si che le foglie si ossidino il necessario, ed arrivino ad essiccarsi esattamente nel punto giusto per il profilo aromatico perfetto.

Dopo questa fase di lunga e graduale essiccazione naturale, che può durare anche oltre 72 ore, la fase finale avviene in forni speciali che lavorano a bassa temperatura per eliminare l'acqua residua. Questo ultimo passaggio conferirà maggior sapore al prodotto finito, cambiandone il profilo aromatico.


L'altro fattore con cui i master tea maker devono sapersi destreggiare durante la produzione artigianale del tè bianco, è l'esposizione delle foglie alla luce solare che, se sapientemente dosata, conferisce al tè particolari profili aromatici. Ma questo passaggio, a causa della complessità dell'operazione, viene normalmente evitato.

Pertanto, la lavorazione del tè bianco, non è altro che la ricerca del giusto punto di equilibrio tra vari elementi quali: temperatura, umidità, intensità della luce solare, correnti d'aria, quantità di foglie trattate e il giusto tempo da dedicare ad ognuno di questi elementi.
.

Ci sono pertanto così tanti fattori che entrano in gioco nella lavorazione tradizionale del tè bianco, che rendono molto complesso un processo produttivo apparentemente semplice.

Il nostro Master Tea Maker

Marco Bertona, tea taster professionista diplomato in Cina presso l'Università di Scienze Agrarie di Canton, Executive Director di AssoTè Infusi e Delegato italiano presso il Gruppo Intergovernativo sul Tè (IGG/Tea) della FAO. Già vincitore in Cina del Gold Award con il Tè Nero del Verbano

marco bertona italian master tea maker